Cerca nel sito

EnglishFrançaisDeutschItalianoPortuguêsEspañol

Salve! Sei il visitatore n.

La devozione della Madonna è stata assai vivida e fervida in Toscana dove il suo culto è particolarmente radicato, e tanti sono i luoghi a Lei dedicati, molti di fondazione Medioevale.
Per questo non può sorprendere la straordinaria fioritura avvenuta in questa terra, fin dal primo Trecento, della iconografia della Madonna che allatta il Bambino, prolungatasi fino all’Età Conciliare quando, a seguito delle normative tridentine in materia di immagini sacre, valutata la sua “sconvenienza”, ne fu di fatto se non proibito quanto meno inibito l’utilizzo.
Di questa forte devozione toscana nei confronti di “Maria Lactans”, un aspetto di profonda devozione popolare che affonda le sue radici nella sacralità femminile, recano testimonianza un gran numero di raffigurazioni che è ancora possibile rintracciare dal più piccolo borgo, alle città come Firenze, Siena e Pistoia, dove ne sono state censite ben diciassette.
Sul tema parleranno la dottoressa Michela Pereira nella sede dell’Associazione Filarmonica Borgognoni e la dottoressa Perla Cappellini alla Basilica della Madonna dell’Umiltà il 27 ottobre, nell’ambito della serie di incontri promossi dall’Associazione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *