CERCA NEL SITO
NEWS

TRADUTTORE AUTOMATICO

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseSpanish

CONTATORE VISITE


Hit Counter provided by technology news

SI RINGRAZIA:

Aggiornamenti e incontro del 28 novembre

Abbiamo finalmente deciso di aggiornare la pagina di apertura di Matri-Arkè, ferma all’entusiasmo e ai ringraziamenti di fine convegno

Sono state inserite le foto nella pagina Galleria/Foto.

Aspettavamo la disponibilità della registrazione video per rinnovare la documentazione presente nel sito con una testimonianza completa delle relazioni e del dibattito che hanno caratterizzato i due giorni (4-5 ottobre) di incontro a Pistoia, ma si sono allungati i tempi di revisione e così ci siamo decise comunque a riaprire il nostro canale informativo di scambio su tematiche legate ai saperi sviluppati nelle società matriarcali e alla loro possibilità di diventare punto di riferimento in un percorso di trasformazione sociale, anche per rispondere alla sollecitazione che ci è venuta dal gruppo fiorentino Primum Vivere.

Sapere che sono esistite ed esistono civiltà basate su valori materni come la cura l’uno dell’altro, centrate sul bisogno e la realizzazione del massimo benessere per tutti piuttosto che sul potere, va incontro alla nostra ricerca di radici, diventando per tutte noi fonte di energia e coraggio.

La fiducia e il rispetto della sacralità della natura, presente nelle culture matriarcali, diventa una possibile risposta all’esigenza di una forma di responsabilità nei confronti di tutto il mondo vivente, i principi dell’uguaglianza e del consenso che guidano il loro vivere pacifico, un modello di riferimento auspicabile.

La richiesta di un cambiamento nel vivere quotidiano, come nella società, è emersa con forza nei gruppi di approfondimento del convegno; il bisogno di affrontare insieme ad altre/i la ricerca di relazioni nuove, per porre fine alla disgregazione e all’isolamento e coltivare una trasmissione, uno scambio intergenerazionale sono diventate l’eredità da condividere e sviluppare.

È una consapevolezza forte, maturata come tesoro comune da salvaguardare ed estendere in un cammino di trasformazione e di cura di sé, dell’umanità, e del mondo per un buon vivere.

Le Zie di Sofia considerano essenziale mantenere tutti quei legami che Matriarkè ha permesso di mettere insieme a partire dal riconoscimento del principio materno come sorgente della convivenza umana di donne e uomini. Le società matriarcali antiche e attuali sono diventati dei solidi punti di riferimento in questo cammino, occorre ora iniziare un lungo lavoro preparatorio per costruire ipotesi praticabili in grado di rispettare le nostre aspettative di cambiamento e trasformazione.

A tale scopo abbiamo organizzato questo incontro per approfondire la discussione su un nuovo concetto di cura pensato e praticato dalle donne, in grado di soddisfare la voglia di dare un senso al vivere insieme, svincolato da quella idea di cura a cui il patriarcato ci ha abituato come dovere di genere.

Per una trasformazione della cura in un’etica comune di convivenza

 

venerdì 28 novembre ore 16,30 – 19

Saletta Gherardeschi, piazza dello Spirito Santo (primo portone accanto alla chiesa), Pistoia

Le Zie di Sofia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *