Matri – Arkè

CERCA NEL SITO
NEWS

TRADUTTORE AUTOMATICO

CONTATORE VISITE


Hit Counter provided by technology news

SI RINGRAZIA:

Pieve vecchia dell’Annunziata – Piteglio

Nell’ambito del Convegno «La Bibbia e le donne, le donne e la Bibbia», che si è svolto a Pistoia dal 29 settembre al 1° di ottobre, Le Zie di Sofia hanno organizzato un incontro a Piteglio, nella Pieve Vecchia dell’Annunziata,  dal titolo «Il latte della Madonna a Piteglio: acqua fertile della memoria».

Il documento della conferenza con le note, in formato PDF è scaricabile cliccando qui.

L’insieme delle immagini relative alla conferenza, in formato Power Point (ppt) è invece scaricabile qui.

Chi avesse difficoltà a leggere il file PowerPoint, può scaricarne la versione PDF cliccando qui.

Sotto la voce Materiali del menu è possibile visionare direttamente (o scaricare, se necessario) il video della conferenza. Per accedere direttamente alla pagina clicca qui.

Dal 29 settembre al 1° di ottobre si svolgerà a Pistoia un convegno sul tema «La Bibbia e le donne, le donne e la Bibbia».

Invitiamo tutte e tutti a partecipare alle varie giornate e segnaliamo che Sabato 30 settembre alle ore 15:30, nella Pieve Vecchia dell’Annunziata a Piteglio, le Zie di Sofia hanno organizzato un incontro dal titolo «Il latte della Madonna a Piteglio: acqua fertile della memoria» al quale seguirà una visita guidata al paese.

Qui sotto il depliant del convegno. (scaricabile cliccando sulle immagini con il tasto destro del mouse e selezionando dall’elenco “salva immagine col nome”).

Pistoia, 2 ottobre – 7 novembre 2015

Le Zie di Sofia  

Assessorato alla Cultura del Comune di Pistoia

con la Libreria Lo Spazio di via dell’Ospizio

e con la collaborazione dell’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Pistoia

 

Nel convegno dell’ottobre 2014, Matri-Arkè. Il futuro di un’immagine arcaica, si è avviata una riflessione collettiva sul principio materno come sorgente della convivenza umana orientata a soddisfare i bisogni di donne e uomini sul piano economico, sociale, politico e spirituale.  In questo ciclo di incontri, articolati in due mini-serie (seminari e presentazioni di libri) ci proponiamo di continuare a interrogare la saggezza matriarcale e a esplorare i saperi e le pratiche che le donne hanno pensato e messo in atto nel corso del tempo.

NEL MENU “PROGRAMMA” DATE E ARGOMENTI DEGLI EVENTI

 

Per informazioni:
mpereira@tiscali.it,
laura_billi@virgilio.it,
i.bartoletti@comune.pistoia.it

 

 

È stato realizzato il dvd (doppio) che contiene le quattro relazioni di Heide Göttner-Abendroth, Cécile Keller, Luciana Percovich e Giulia Valerio (4 ottobre 2014) e la Tavola rotonda (5 ottobre) del convegno Matri-Arkè.

Per chi fosse interessata/o, il rimborso spese per il doppio dvd è di Euro 7.00, cui vanno eventualmente aggiunte le spese di spedizione.

Contattare Michela (0573450625; mpereira@tiscali.it) o Rossella (0573364776;lellamodeo@gmail.com), preferibilmente dalle 16 alle 17,lunedì venerdì.

Abbiamo finalmente deciso di aggiornare la pagina di apertura di Matri-Arkè, ferma all’entusiasmo e ai ringraziamenti di fine convegno

Sono state inserite le foto nella pagina Galleria/Foto.

Aspettavamo la disponibilità della registrazione video per rinnovare la documentazione presente nel sito con una testimonianza completa delle relazioni e del dibattito che hanno caratterizzato i due giorni (4-5 ottobre) di incontro a Pistoia, ma si sono allungati i tempi di revisione e così ci siamo decise comunque a riaprire il nostro canale informativo di scambio su tematiche legate ai saperi sviluppati nelle società matriarcali e alla loro possibilità di diventare punto di riferimento in un percorso di trasformazione sociale, anche per rispondere alla sollecitazione che ci è venuta dal gruppo fiorentino Primum Vivere.

Sapere che sono esistite ed esistono civiltà basate su valori materni come la cura l’uno dell’altro, centrate sul bisogno e la realizzazione del massimo benessere per tutti piuttosto che sul potere, va incontro alla nostra ricerca di radici, diventando per tutte noi fonte di energia e coraggio.

La fiducia e il rispetto della sacralità della natura, presente nelle culture matriarcali, diventa una possibile risposta all’esigenza di una forma di responsabilità nei confronti di tutto il mondo vivente, i principi dell’uguaglianza e del consenso che guidano il loro vivere pacifico, un modello di riferimento auspicabile.

La richiesta di un cambiamento nel vivere quotidiano, come nella società, è emersa con forza nei gruppi di approfondimento del convegno; il bisogno di affrontare insieme ad altre/i la ricerca di relazioni nuove, per porre fine alla disgregazione e all’isolamento e coltivare una trasmissione, uno scambio intergenerazionale sono diventate l’eredità da condividere e sviluppare.

È una consapevolezza forte, maturata come tesoro comune da salvaguardare ed estendere in un cammino di trasformazione e di cura di sé, dell’umanità, e del mondo per un buon vivere.

Le Zie di Sofia considerano essenziale mantenere tutti quei legami che Matriarkè ha permesso di mettere insieme a partire dal riconoscimento del principio materno come sorgente della convivenza umana di donne e uomini. Le società matriarcali antiche e attuali sono diventati dei solidi punti di riferimento in questo cammino, occorre ora iniziare un lungo lavoro preparatorio per costruire ipotesi praticabili in grado di rispettare le nostre aspettative di cambiamento e trasformazione.

A tale scopo abbiamo organizzato questo incontro per approfondire la discussione su un nuovo concetto di cura pensato e praticato dalle donne, in grado di soddisfare la voglia di dare un senso al vivere insieme, svincolato da quella idea di cura a cui il patriarcato ci ha abituato come dovere di genere.

Per una trasformazione della cura in un’etica comune di convivenza

 

venerdì 28 novembre ore 16,30 – 19

Saletta Gherardeschi, piazza dello Spirito Santo (primo portone accanto alla chiesa), Pistoia

Le Zie di Sofia

 

Perchè ci sono state parole importanti e silenzi profondi, sguardi, amore e dono. Perchè ci sono stati i cerchi e donne e uomini e bambine.

Per tutte le storie raccontate come veglie pazienti. Per la scienza, l’abbondanza, la natura. Per la candela accesa.

Perchè è stata donata la possibilità di vivere la sconfitta come ricchezza, la relazione come sorellanza, il conflitto come caos da cui rigenerarsi.

Perchè c’è stato ascolto, pazienza, godimento.

Per chi ha accolto, per chi si è lasciat* accogliere.

Per le possibilità, per le immagini, per gli strumenti da ripensare e pratiche da cui ripartire.

Per la politica che sta alla base di tutto questo.

Per l’arte e la follia. Perchè è stata vita.

Vogliamo dire grazie a chi ci ha ispirate, a chi ci ha sostenute, a chi ci ha accompagnate, a chi si è messa in gioco, a chi ha collaborato

e soprattutto a tutt* voi, tantissim*,  che avete partecipato!

Le zie di Sofia

Alice, Antonella, Caterina, Laura Bi.,  Laura Bo., Manuela, Michela G., Michela P., Milva, Pina, Rossella …

e Sofia
141005_guido_mencari_pistoia_matri_arke-769_WEB (1)

Foto di Guido Mencari www.gmencari.com